Come si calcola la tredicesima per colf e badanti

Poichè la 13esima si paga poco prima di Natale, il cedolino del mese 13 si elabora dopo il cedolino di novembre (11) ma prima di quello di dicembre (12).

La procedura quindi è la seguente:

 a) una volta elaborata la busta paga di novembre si entra nel menù Cedolini e fasi mensili | inserimento mensile, si scrive a sinistra mese 13 e poi si clicca ok;

 b) in alto a destra si clicca direttamente “Memorizza”, “calcola” e “ricalcola” senza selezionare nessuna causale o sigla particolare;

 c) solo dopo si potrà calcolare il cedolino di dicembre.

 

busta paga colf 13esima inserimento mensile.JPG

 

 

 Che calcolo viene eseguito dal programma per elaborare la 13esima?

 1. Collaboratore con paga oraria (non convivente)

 Webcolf tiene conto di tutti questi elementi:

 - paga oraria dell’ultimo mese ossia di novembre (non conta la paga oraria dei mesi precedenti) tenendo però conto di eventuali modifiche di paga avvenute durante il mese di dicembre (dato che la 13esima si paga a Natale) come ad esempio la maturazione dello scatto di anzianità;

 - somma dei ratei di 13esima dell’anno in corso.

 I ratei si calcolano in base alla percentuale di part-time dei vari mesi lavorati indicata nella casella % part-time di ogni cedolino. Tale percentuale si ricava grazie alla seguente proporzione:

 40 ore del full-time : 100 = orario settimanale standard : x

 Se la collaboratrice ha quindi ad esempio un orario standard di 20 ore settimanali il calcolo è il seguente:

 40 : 100 = 20 : x

 (100 x 20) : 40 = 50 % di percentuale part-time

 Tale percentuale va divisa per 100 per trovare il rateo che la collaboratrice maturerà al mese.

 Nell’esempio 50 : 100 = 0,50 parti di rateo maturato al mese

 La percentuale del 100% ha rateo uguale ad 1 e corrisponde al lavoro full-time di 40 ore settimanali. Quindi se un collaboratore lavora 20 ore settimanali e la sua percentuale di part-time è del 50% il rateo mensile di 13esima è pari a 0,50.

busta paga colf tredicesima

 

In ogni cedolino, nella parte inferiore, si trova la casella “ratei 13esima” che indica il progressivo ovvero la somma dei ratei di 13esima da gennaio al mese del cedolino stampato.

Se ad esempio un collaboratore ha lavorato in un anno per 3 mesi per 40 ore settimanali e per altri 9 mesi per 20 ore settimanali, questo è il calcolo:

 (1 rateo pieno x 3 mesi) + (0,5 rateo di part-time x 9 mesi ossia)=  7,50 ratei totali 13esima annuali

Questo valore viene inserito nel corpo del cedolino della 13esima nella colonna tempo. Quindi in questa colonna non si trovano il numero di mesi lavorati ma la somma dei ratei 13esima.

N.B.: il programma, poiché calcola la 13a prima di elaborare dicembre ipotizza che il collaboratore lavorerà per dicembre con la stessa percentuale di part-time di novembre.

A partire dalla paga e dal totale dei ratei 13esima con l’aggiunta del mese di dicembre ipotizzato il calcolo del programma è il seguente:

 paga oraria concordata x 40 ore del full-time x 4,3334 settimane medie in un mese = A retrib. mensile del full-time

 A : 12 mesi = B importo del rateo di 13esima di un solo mese per il full-time

 B x ratei di 13esima maturati nell’anno (in base all'orario part-time) = 13esima da erogare riproporzionata in base al part-time

Esempio:

se una colf è stata assunta in data 3 febbraio con un orario di 20 ore settimanali, come non convivente e a dicembre la sua paga oraria è di 7,00 €, il calcolo del programma è il seguente:

 

 40 : 100 = 20 : x                     (100 x 20) : 40 = 50 % di percentuale part-time

 50 : 100 = 0,50 parti di rateo maturate al mese

 0,50 x 11 mesi lavorati = 5,50 ratei di 13esima maturati nell’anno e quindi:

 7 € x 40 ore del tempo pieno x 4.3334 settimane medie in un mese : 12mesi x 5,5 ratei maturati = 556,11 € di 13esima da pagare a Natale

 
 

 

busta paga colf e badante tredicesima

 

2. Collaboratore con paga mensilizzata

a) Non convivente:

paga mensile di novembre : 12 mesi x numero di mesi lavorati = 13esima

b) Convivente:

Poiché la 13esima si calcola sulla retribuzione globale di fatto essa comprende anche la quota di vitto e alloggio. In sintesi, essendo la 13esima una paga fittizia in più ai 12 mesi, non è possibile dare la quota di vitto e alloggio in natura e quindi si corrisponde in denaro.

Quindi in questo caso, oltre alla voce 13esima verrà visualizzata anche la voce incidenza vitto e alloggio e altri elementi con codice 41.

La 13esima viene calcolata in questo modo:

 paga mensile di dicembre : 12 mesi x numero di mesi lavorati (per più della metà del mese) = 13esima

L’incidenza del vitto e alloggio, poi, si calcola sul sulla somma della quota di vitto e alloggio il cui valore si può trovare nel menù Utilità (icona ingranaggio in alto a destra) | progressivi mensili | seconda pagina | seconda colonna a destra voce “Prog. per calcolo incidenza”.

Tale progressivo viene calcolato facendo la somma di tutti i giorni lavorati, giorni di ferie, festività (anche cadenti di domenica) di ogni mese moltiplicati per la quota di vitto e alloggio giornaliera prevista in base all’anno in corso. In caso di cessazione del rapporto per licenziamento senza preavviso vanno conteggiati anche i giorni pagati come indennità di preavviso ma solo quelli cadenti in giorno lavorativo che sono riportati dal programma nell’ultimo cedolino alla colonna “Tempo” della voce 360 “vitto/alloggio su preavviso”.

 

Tale importo viene poi diviso per i mesi di incidenza per trovare la media mensile della quota di vitto e alloggio su cui calcolare la 13esima. I mesi di incidenza sono i mesi, da gennaio a novembre, lavorati o di ferie nei quali è maturato il rateo.  Il risultato di questa operazione viene diviso poi per 12 mesi e moltiplicato per i mesi lavorati o di ferie dell’anno da Gennaio a Dicembre.

Quindi in sintesi Webcolf calcola in questo l’incidenza:

 Progressivo vitto e alloggio : mesi di incidenza = A vitto e alloggio medio mensile

 (A : 12) x mesi lavorati o di ferie = incidenza vitto e alloggio su 13esima (cod. 41)

N.B.: su richiesta di alcuni utenti, è possibile disabilitare la voce 41 spuntando l'apposito controllo nel trattamento economico del collaboratore domestico in impostazioni economiche avanzate “non dare incidenza vitto e alloggio su 13esima”. Si precisa che tale opzione può essere contestata in sede sindacale dal collaboratore perché il contratto nazionale prevede che la 13esima sia il risultato della paga reale di fatto.

 Esempio:

 Se una colf ha lavorato dal 10 gennaio  per tutti i mesi dell’anno come convivente e a novembre la sua paga mensile è di 1000 euro il calcolo del programma è il seguente.

 1.000 € paga mensile : 12 x mesi lavorati  = 1.000 € 13esima

 1.517,75 progressivo vitto e alloggio : 11 mesi di incidenza : 12 x 12 mesi lavorati = 137,98 incidenza vitto e alloggio

 

busta paga tredicesima colf

 

Perché nel cedolino della 13esima viene indicato sul contatore “Ratei 13a” -1?

Nel cedolino della 13esima viene anticipato il rateo che maturerebbe a dicembre quindi indicando -1 sul contatore "Ratei 13esima" si indica appunto l'anticipo che poi verrà compensato con il +1 di dicembre dando zero.
Se poi a dicembre infatti si calcola il cedolino si nota che il contatore é vuoto.

 

Scaricamento manuale

Scarica il manuale in formato pdf cliccando su questo link

Scarica il manuale in pdf

Indice

Introduzione

1. Dati datore
   1.1. Cancella o nascondi datore
   1.2. Aggiungi nuovo datore

2. Dati colf o badante
   2.1. Dati anagrafici
   2.2. Residenza
   2.3. Data assunzione
   2.4. Inquadramento
   2.5. Orario, scatti, ferie
     2.5.1. Orario settimanale
     2.5.2. Orario sempre variabile
     2.5.3. Scatti di anzianità
     2.5.4. Periodo di prova
     2.5.5. Festività
     2.5.6. Ferie

3. Come impostare la paga
   3.1. Trattamento economico
     3.1.1. Paga lorda o netta?
   3.2. Includi tfr, ferie e 13^
   3.3. Formazione della paga
   3.4. Impostazioni paga avanzate

4. Gestisci colf già assunte
   4.1. Procedura per i meno esperti
   4.2. Procedura per i più esperti

5. Assunzione
   5.1. Lettera di assunzione
   5.2. Comunicazione inps
     5.2.1. Delega
     5.2.2. Codice pin inps
     5.2.3. Modalità comunicazione inps
     5.2.4. Consigli comunicazioni inps
     5.2.5. Differenza pin-codice rapporto
   5.3. Cessione fabbricato/ospitalità
   5.4 Informativa sicurezza
   5.5 Sostituzione collaboratore assente

6. Come fare la busta paga
   6.1 Calendario presenze mensili
     6.1.1. Codici utilizzabili inserimento
     6.1.2. Causali particolari
     6.1.3. Esempi inserimento presenze
   6.2. Calcola busta paga
     6.2.1. Malattia
     6.2.2. Assenza/sospensione
     6.2.3. Maternità
     6.2.4. Infortunio
   6.3. Consigli controllo busta paga
   6.4. Capire la busta paga
   6.5. Cedolino scaricabile dalla colf
     6.5.1. Accesso della colf al sito
   6.6. App Webcolf mobile (solo studi)
     6.6.1. Credenziali per il cliente
     6.6.2. Download e invio presenze
     6.6.3. Verifica inserimento app.
     6.6.4. Invio busta paga app.
     6.6.5. Ricezione busta paga app.

7. Variazioni del contratto

8. Licenziamento con preavviso

9. Licenziamento senza preavviso

10. Dimissioni senza preavviso

11. Dimissioni con preavviso

12. Cessazione tempo determinato

13. Cessazione decesso datore

14. Licenziamento disciplinare

15. Anticipo tfr

16. Tredicesima
   16.1 Busta paga tredicesima

17. Stampe per la denuncia dei redditi
   17.1. Cu (ex cud) colf
   17.2. Contributi deducibili datore
   17.3. Spese detraibili badante Cs/Ds

18. Mav contributi
   18.1. Richiesta massiva mav (studi)
   18.2. Come fare mav online
   18.3. Mav cessazione
   18.4. Contributi Cas.sa colf

19. Copie archivio Webcolf

20. Capire il costo di colf e badanti

21. Verifica la paga di colf e badanti nel caso di vertenza


Appendice
Contratto colf e badanti 2017